^

Salerno Notizie l'informazione di Salerno e provincia online, rassegna stampa quotidiani, ultima ora cronaca

23 luglio 2019 - 19:53:51

La parola innamorata: incontri sull’opera di Pier Paolo Pasolini


salernopierpaolopasolini4Domani, martedì 1 marzo ore 20, a Salerno, Palazzo Fruscione, l’appuntamento con “La parola innamorata”, la rassegna di talk, performance teatrali, proiezioni dedicate a Pier Paolo Pasolini. La kermesse, legata al progetto della mostra fotografica “Dino Pedriali (Pier Paolo Pasolini – Nostos : Il ritorno) 1975 – 1999”, prodotta dall’associazione culturale Tempi Moderni, vede protagonisti Peppe D’Antonio (fondatore e direttore artistico Linea D’Ombra) e Stefano Pignataro (giornalista). L’intero progetto è prodotto dall’associazione Tempi Moderni, sostenuto dal Comune di Salerno e dalla Fondazione CARISAL, con il patrocinio dell’Università degli Studi di Salerno.

Come sezione integrante della mostra di Dino Pedriali dedicata a Pier Paolo Pasolinisi sviluppa la seconda parte del progetto: “la parola innamorata”, caratterizzata da un ricco programma di talk, racconti e performance, che si terranno negli spazi di Palazzo Fruscione e in parte presso l’ex cinema Diana e la Fondazione CARISAL. Si tratta di un lavoro corale e trasversale alle diverse discipline, dove differenti personalità s’incontrano per costruire una trama narrativa e didattica, un ulteriore spazio di riflessione attorno all’opera di Pier Paolo Pasolini.

Martedì 1 marzo, Palazzo Fruscione, ore 20: Corpo a corpo-Lo sguardo erratico

Il titolo “Corpo a corpo: lo sguardo erratico” potrebbe rendere in maniera più efficace l’idea del più consueto sguardo eretico (un po’ abusato) e meglio dice di uno sguardo e di un corpo, quelli di Peppe D’Antonio, che attraversano il corpo cinema (e lo sguardo che li ha nutriti) di Pasolini. La scelta di alcune scene tratte dai film di Pasolini raccontano quali sensazioni e quali suggestioni si sono generate negli anni della ricerca del Poeta. L’intervento prevede una rivisitazione molto intima e personale, e senza un fine, erratica, appunto, di un autore che non è possibile smettere di comprendere, caratterizzato da un continuo spostamento in avanti del suo orizzonte e di una costante tensione a seguirlo.

La Parola Innamorata: quattro le sezioni previste.

Talk d’autore, con incontri e riflessioni sull’opera di PPP grazie agli interventi critici di Epifanio AjelloAntonio Bottiglieri, Andrea Carraro, Peppe D’Antonio, Francesco DuranteGiovanni Vacca, il reading con Diego De Silva e le performance teatrali che vedono protagonisti Yari Gugliucci e Antonio Grimaldi.

Incontri Scuole e Università: visite guidate e presentazioni ad hoc con le classi delle scuole superiori e dei licei di Salerno e provincia; nell’ambito del progetto “Open Class” (Ateneo & Territorio) alcune lezioni si sposteranno dalle aule universitarie nelle sale di Palazzo Fruscione.

Pasolini e la città: una serie di incontri in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Salerno.

Pasolini e i giovani: una narrazione – a cura di Elio Goka e Davide Speranza – tra cinema, musica e letteratura dove la forza centrale è l’universo giovanile che di Pasolini ne ama la “trasversalità”, l’irruenza, l’esporsi in “prima persona”.

 

 

 

 

Associazione culturale per la Fondazione “Tempi Moderni”.

Il tempo e la modernità. Due parole chiave per comprendere il nostro contemporaneo partendo dalla cultura. “Tempi moderni” vuol essere un motore organizzativo e gestionale che al contempo non vuol mai spegnere “lo stupore come conoscenza”, senza dimenticare lo sguardo verso orizzonti di sensibilità nuove da varcare, da scolpire, da proteggere e muovendosi su un duplice piano: progettazione culturale di respiro nazionale ed internazionale; forte coesione con l’associazionismo culturale presente sul territorio. Da qui l’esigenza di “Tempi moderni” nel voler sviluppare una progettualità condivisa. E per far questo serve un assieme di uomini e donne straordinari e rigorosamente professionali. “Tempi moderni” vuol mettere in campo: condivisioni di strategie, amplificazione di sensibilità, pratiche di socializzazione, linee di innovazione, metodologie eterogenee, concatenamenti emozionali, luminosità del sapere e invenzione. “Tempi moderni” ha l’obiettivo di creare un felice cortocircuito tra imprenditori e accademici, tra amministratori e mondo delle professioni, tra sensibilità giovanili e competenze di chiara fama. “Tempi moderni”, vuol ritrovare la sublimazione della bellezza. Sì, la bellezza! Perché per chi continua a credere nella collettività delle “pratiche del pensiero” la bellezza è l’unico, vero motore di costruzione.

 

Info mostra

 

Artista: Dino Pedriali

Titolo: Dino Pedriali (Pier Paolo Pasolini – Nostos : Il ritorno) 1975 – 1999

Produzione: Associazione Culturale per la Fondazione Tempi Moderni

 

giovedì 25 febbraio ore 11.00,  Ex cinema Diana – Sala Pasolini

Cerimonia di inaugurazione e tavola rotonda: le Autorità e l’artista Dino Pedriali scopriranno la targa posta esternamente all’ex cinema Diana con la quale lo stesso verrà dedicato a Pier Paolo Pasolini.

 

venerdì 26 febbraio ore 20.00, Palazzo Fruscione    

Inaugurazione Mostra

 

Orari:

dalle ore 11.00 alle ore 20.00, fino al 16 marzo 2016, Palazzo Fruscione, 24-Salerno.

 

 

Ingresso libero

– Addetto Stampa, Tempi Moderni:
Davide Speranza – press@tempimoderniassociazione.it – cell. 3397263428

 

– Con il supporto di:

Comune di Salerno e Fondazione CARISAL

 

– Main Partner:

We Brief, A4 Design

 

– In collaborazione con:

Arci Salerno – Centro Informagiovani Salerno e Bottega Idee Nuove

Tempi Moderni

Associazione Culturale

Via dei Mercanti n. 70

84125 Salerno, Italy


29/02/2016 - Categoria: evidenza
Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google+ Condividi su Pinterest Condividi su Whatsapp Condividi su Telegram
RUBRICHE
Le previsioni del Cavaliere Antonio Guariglia
Segui Bar Sport
La Parola del Signore a cura di Don Sabatino
Il piatto è servito
Medicina online
I Love Italy